MILLER HEIMAN GROUP SALES & SERVICE SOLUTIONS

A selection from MHG Network Source and Achieve Italia

Nella “nuova normalità” la risposta è blended

A cura di Giorgio Ballotta - Managing Partner Achieve Italia

 

In tempo di pandemia,  anche noi che ci occupiamo di formazione, abbiamo stressato il racconto della didattica a distanza.

Nel nostro paese l’apprendimento online ha incontrato parecchie resistenze.
Eppure in pochi mesi i nostri figli, per primi, hanno conosciuto e sperimentato un approccio che se fosse stato proposto  pochi mesi prima, avrebbe suscitato molte perplessità e altrettante polemiche. Ugualmente nella formazione degli adulti oggi tutto è rapidamente cambiato e le parole d’ordine sono improvvisamente diventate webinar, piattaforma virtuale ed  e-learning.

Ricordo che anni fa assistemmo all’epopea della formazione On Line: allora la comunità HR, sull’onda del risparmio sul budget, trasformò molto - soprattutto ciò che era obbligatorio per legge - in un Learning Object da fruire guardando in forma solitaria e smarrita lo schermo di un PC, senza possibilità di interagire ma solo di rispondere ad input predeterminati.

Se vogliamo veramente parlare di apprendimento dell’adulto, è il momento di avere il coraggio di fare qualche passo indietro per poi riprendere la direzione del futuro.
La comunità HR ha preso un abbaglio nel considerare che la formazione digitale potesse sostituire in toto la  formazione in presenza, come se l’apprendimento fosse come qualcosa di eterodiretto ad un target di pecore.

Abbiamo tante frecce didattiche al nostro arco!

  • La risposta è “blended”, varia, nuova e articolata.  L’elemento imprescindibile della formazione blended resta il trainer la qualità delle competenze umane e professionali unite alla formazione digitale sono un mix vincente ed efficace di elementi complementari.
  • La risposta sta nei percorsi che dobbiamo progettare con pazienza e professionalità: il confronto con il cliente è come laboratorio chimico evoluto.
  • La risposta è negli investimenti sull’asset più importante dell’azienda cioè le persone: le aziende che non investono sulle proprie persone sono destinate al declino.
  • La risposta è nella tecnologia, usando ciò che oggi ci permette di comunicare agevolmente con gli altri “umani”: le infinite soluzioni di collegamento di oggi a basso costo tra persone, e le possibilità offerte dagli strumenti tecnologici  che solo dieci anni fa non erano nemmeno immaginabili.

Lo sviluppo delle competenze delle persone nelle aziende è una cosa seria, da prendere in modo divertente, creativo e ogni volta differente.