Con il progressivo allentamento delle restrizioni imposte dalla pandemia molte aziende stanno definendo come organizzare il “BACK TO OFFICE”.

Il nuovo approccio è legato da un lato alle regole dettate dai decreti vigenti, dall’altro all’opportunità creatasi in questo periodo emergenziale.

Le soluzioni che le aziende stanno valutando prevedono in linea generale tre approcci:

  • Un ritorno full-time al lavoro in ufficio
  • Un approccio ibrido e flessibile che prevede alcuni giorni in ufficio e altri da remoto
  • Un approccio fully-remote, con solo alcuni sporadici incontri in presenza

Molte aziende, italiane ed estere, stanno preferendo l’approccio ibrido che unisce esperienza fisica e digitale.

Lo smart working, ha pro e contro: tra i vantaggi più grandi che abbiamo estrapolato dal nostro network abbiamo riscontrato il risparmio di tempo e denaro, la flessibilità e l’aumento della produttività; tra gli svantaggi troviamo la riduzione della motivazione, del coinvolgimento e del senso di appartenenza.

Da una recente indagine condotta da Ricoh emerge che:

  • il 31% dei lavoratori lamenta una contrazione di motivazione e stimoli a causa dello smart working imposto dalla pandemia
  • il 42% afferma che la cultura aziendale ha risentito delle restrizioni.

Si può evincere che una quota di lavoro in presenza ha un impatto positivo sul benessere generale e mentale dei dipendenti.

A confermarlo è una ricerca di WeWork che ha analizzato l’umore dei lavoratori dopo il ritorno in ufficio.

Lo studio ha rilevato che le persone che sono tornate a lavorare in presenza in ufficio quattro/cinque giorni alla settimana hanno dichiarato un miglioramento dell’umore pari al 54% rispetto a quelli che lavorano esclusivamente da casa, e ben il 90% degli intervistati ha dichiarato di voler tornare a lavorare in ufficio almeno un giorno alla settimana.

Una delle conseguenze negative più importanti del lavoro da remoto è stata la mancanza di interazioni, soprattutto quelle non pianificate, che generalmente avvengono in pausa caffè, in pausa pranzo o nei corridoi dopo le riunioni.

In questi momenti vengono rafforzate le relazioni tra colleghi, viene stimolata la creatività e nello scambio si favorisce l’innovazione. É quindi evidente che senza questi incontri spontanei, molti di questi vantaggi vengono meno. Per questo gli ambienti di lavoro fisici rimangono fondamentali per le relazioni e il confronto.

Se però il trend del futuro sarà quello di mixare presenza e distanza, diventa necessario fare in modo che i momenti in ufficio servano davvero a rafforzare la coesione del team e la motivazione dei collaboratori. Per farlo non esiste una ricetta uguale per tutti, dipende dalle singole persone e dal tipo di azienda, ma il punto chiave è trovare il giusto bilanciamento tra attività in presenza e attività in remoto.

La domanda che molte organizzazioni si stanno ponendo mentre pensano a un back to office ibrido è relativa alle diverse competenze che Manager e collaboratori dovrebbero aver per garantire alta motivazione, spirito di appartenenza, efficacia ed efficienza.

  • Cosa andrebbe mantenuto del modo di lavorare al quale eravamo abituati prima della pandemia?
  • Cosa abbiamo imparato durante il periodo emergenziale?
  • Manager e collaboratori: cosa dovrebbero fare in modo diverso?

Se sei interessato ad approfondire l’argomento ti invitiamo a partecipare al

Webinar gratuito
 18 ottobre 2021
dalle ore 09.00 alle 09.45
sulla piattaforma Zoom
Relatori
Giorgio Ballotta Managing Partner
Michela Bertoli Master Trainer Achieve Italia
 

Per iscriverti o ricevere informazioni:
silvia.brusadelli@achieveitalia.it oppure compila il FORM sottostante

    Privacy Preferences
    When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.